Il Patriarca Marco Grimani e le antichità di Palestina, Dacia ed Egitto: presupposti eruditi e valenze politiche nel viaggio antiquario nella Venezia del Rinascimento

Daniele Ferrara, Francesco Trentini (Direzione regionale Musei Veneto)

Daniele Ferrara (1962), già funzionario presso le soprintendenze museali di Venezia e Roma dal 2001 al 2009, poi soprintendente per i beni storici artistici ed etnoantropologici del Molise, dal 2015 è dirigente presso la Direzione regionale Musei Veneto (DRMV). La sua produzione scientifica spazia dal medioevo al contemporaneo e comprende diversi contributi dedicati alla committenza e al collezionismo artistico della famiglia Grimani nonché la co-curatela del volume Domus Grimani. La collezione di sculture classiche a palazzo dopo quattro secoli (Venezia, 2021).
Francesco Trentini (1978) già ricercatore presso la Fondazione “Giorgio Cini” di Venezia dal 2005 al 2011, è consulente scientifico della Direzione Regionale Musei Veneto e cultore della materia presso il Dipartimento di Studi Umanistici dell’Università “Ca’ Foscari”, Venezia. Studioso attento a questioni d’iconologia analitica e cultura visuale in età moderna, alle politiche culturali della famiglia Grimani ha dedicato in particolare il contributo: Etologia e metafora del mondo nella Sala a fogliami di Palazzo Grimani, in Animali figurati (Venezia 2019).

Presentati di norma come pellegrinaggi motivati da urgenze di coscienza, i viaggi che nel 1531 e nel 1534-36 portarono il Patriarca d’Aquileia Marco Grimani fino al sito dell’antico Pons Traiani in Dacia oltre che al Santo Sepolcro alle Piramidi di Giza, assumono un’ecce- zionale rilevanza per la definizione del ruolo dell’antiquaria nella prassi di viaggio del patrizia- to veneziano d’età moderna. In particolare, gli studi condotti in situ da Grimani con l’ausilio di misurazioni e descrizioni diffuse rivelano una pianificazione accurata che, senza ignorare i resoconti di viaggio medievali e moderni, trova nelle fonti antiche, testuali e iconografiche, un fondamentale motivo ispiratore.

Sulla base di una ricognizione della rete intertestuale sottesa ai resoconti, e attraverso una ricostruzione di network, sarà discusso il tema della contiguità tra antiquaria e potere in età umanistica: una funzione organica a quell’uso ideologico della conoscenza dell’Antico nel processo di affermazione politica che caratterizzò l’ascesa della famiglia Grimani di S. Maria Formosa tra XV e XVI secolo.


OpenEdition vous propose de citer ce billet de la manière suivante :
Haude Morvan (7 mai 2024). Il Patriarca Marco Grimani e le antichità di Palestina, Dacia ed Egitto: presupposti eruditi e valenze politiche nel viaggio antiquario nella Venezia del Rinascimento. Dans l'œil des antiquaires. Consulté le 22 juillet 2024 à l’adresse https://doi.org/10.58079/11ni0


Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *

Ce site utilise Akismet pour réduire les indésirables. En savoir plus sur comment les données de vos commentaires sont utilisées.

Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search